Cosa bolle in pentola 

Buon pomeriggio, lettori, come state? Qua da me c’è così tanto caldo che più che a giugno sembra di essere in pieno agosto. Ieri vi ho accennato di un’iniziativa assieme al blog  “La mia vita sono i libri”  e oggi sono felice di spiegarvi in cosa consiste. 

Di comune accordo abbiamo deciso di leggere entrambe lo stesso libro e, a fine lettura, di pubblicare due recensioni del medesimo. Se sarà una recensione divisa in due parti o due singole recensioni, è ancora da definirsi. A questo punto vi starete dicendo “Sì, okay, ma che libro avete scelto?“. Dopo aver scartato ben tre titoli, la nostra scelta è ricaduta su un romanzo fresco (almeno lui!) di stampa:


La trama

 Emma De Tessent. Eterna stagista, trentenne, carina, di buona famiglia, brillante negli studi, salda nei valori (quasi sempre). Residenza: Roma. Per il momento – ma solo per il momento – insieme alla madre. Sogni proibiti: il villino con il glicine dove si rifugia quando si sente giù. Un uomo che probabilmente esiste solo nei romanzi regency di cui va matta. Un contratto a tempo indeterminato. A salvarla dallo stereotipo dell’odierna zitella, solo l’allergia ai gatti.

Il giorno in cui la società di produzione cinematografica per cui lavora non le rinnova il contratto, Emma si sente davvero come una delle eroine romantiche dei suoi romanzi: sola, a lottare contro la sorte avversa e la fine del mondo. Avvilita e depressa, dopo una serie di colloqui di lavoro fallimentari trova rifugio in un negozio di vestiti per bambini, dove viene presa come assistente. E così tutto cambia. Ma proprio quando si convince che la tempesta si sia finalmente allontanata, il passato torna a bussare alla sua porta: il mondo del cinema rivuole lei, la tenace stagista
Deve tornare a inseguire il suo sogno oppure restare dov’è? E perché il famoso scrittore che Emma aveva a lungo cercato di convincere a cederle i diritti di trasposizione cinematografica del suo romanzo si è infine deciso a farlo? E cosa vuole da lei quell’affascinante produttore che continua a ronzare intorno al negozio dove lavora?

L’autrice 

Alessia Gazzola (Messina, 1982), maturità classica, laurea in Medicina e Chirurgia, è specializzata in Medicina Legale. Della fortunatissima serie dedicata alle avventure amorose e professionali di Alice Allevi fanno parte: “L’Allieva”, “Un segreto non è per sempre”, “Sindrome da cuore in sospeso”, “Le ossa della principessa” e “Una lunga estate crudele”, tutti pubblicati da Longanesi. I suoi libri sono tradotti in Germania, Francia, Spagna, Turchia, Polonia, Serbia e Giappone. Dai primi tre romanzi Endemol e RAI1 hanno realizzato una fiction televisiva con Alessandra Mastronardi nei panni di Alice Allevi. Ama viaggiare, leggere (lo considera una tipologia di viaggio) e cucinare. Vive a Verona con il marito e le sue due piccole bambine. Per Feltrinelli ha pubblicato “Non è la fine del mondo (2016).”

Il booktrailer

Della Gazzola ho letto i primi tre libri con protagonista Alice Allievi e sono rimasta abbastanza soddisfatta, vedremo come andrà con questo nuovo personaggio. Vi invito a iscrivervi su entrambi i blog e a seguirci tramite mail per non perdervi nessuna novità.  
 A presto! 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close