Recensione – Sons and Lovers

Per la rubrica 


Finalmente ho finito uno dei due libri in lingua e sarebbe stato molto figo se anche la recensione fosse stata in inglese, ma perché complicarsi la vita? Quindi eccovi una recensione made in italian.


Autore: D. H. Lawrence                         Genere: Narrativs inglese                      Prima pubblicazione: 1913                     Prezzo di copertina: 10€                       Numero di pagine: 144 (esercizi inclusi)                                                     Casa editrice: BlackCat

L’attore 

David Herbert Richards Lawrence (Eastwood, 11 settembre 1885 – Vence, 2 marzo 1930) è stato uno scrittore, poeta, drammaturgo, saggista e pittore inglese.

La trama

Paul Morel, il protagonista di questo che è il libro di maggior intensità di David Herbert Lawrence, prima felice prova della sua pienezza di scrittore, è un giovane che vive una controversa educazione sentimentale. Il morboso legame con la madre impedisce sia a lui sia al fratello William relazioni sentimentali mature. Paul è combattuto fra l’amore per due donne, Miriam e Clara, e l’incapacità di sciogliersi dal vincolo del sangue che lo incatena alla madre. Solo con la morte della genitrice, evento al tempo stesso drammatico e salvifico, Paul Morel sarà libero di avventurarsi verso la vita adulta. Un romanzo dalla narrazione vigorosa, dove il sentire autobiografico si fonde con una misurata interpretazione freudiana dei rapporti famigliari.

Un estratto 

The next time Paul went to Willey Farm, Miriam could see that he was irritable. He did not look at her or talk or talk to her. He talked to her brothers and father until they went out to work on the farm, then Miriam said timidly “Will you come and see the daffodils?” He said nothing but followed her into the garden. 

La (mini)recensione 

Prima d’iniziare va specificato che l’edizione da me letta propone una versione del testo semplificata e adattata. Se in questo modo ho capito buona parte della storia (non tutta), le sfumature della scrittura di Lawrence e la parte emotiva che ne deriva sono state completamente nulle. Non ho provato particolare trasporto o interesse, anzi, spesso ho trovato la vicenda noiosa. Lo stile mi è parso “meccanico”, con le frasi incastrate una dopo l’altra e poco scorrevole. I personaggi hanno una caratterizzazione approfondita e realistica, sopratutto Paul e la madre attorno cui ruota tutta la storia. 

In conclusione si tratta senza dubbio di una lettura interessante e che intraprenderei volentieri in italiano, peccato solo che in inglese non mi abbia particolarmente presa. 


Difficoltà: 3,5/5

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...