Recensione – La casa per bambini speciali di Miss Peregrine

In collaborazione con Cartolibreria Brivio srl Mondadori Junior.

  • Autore: Ramsom Riggs
  • Genere: Narrativa
  • Prima pubblicazione: 2011
  • Prezzo di copertina:18€
  • Numero di pagine:375
  • Casa editrice: Rizzoli

L’autore 

Ransom Riggs (Maryland, 1980) è uno scrittore statunitense. Riggs aveva raccolto alcune curiose fotografie e aveva proposto al suo editore, Quirk Books, il loro utilizzo per un libro illustrato. Su suggerimento di un editor, ha invece utilizzato le foto come guida per un racconto. Ciò che ne esce è “La casa per bambini speciali di Miss Peregrine”, entrato nella lista dei best seller del New York Times.

Un altro libro ispirato a vecchie fotografie, “Talking Pictures”, è stato pubblicato da Harper Collins nell’ottobre del 2012.

“Hollow City”, il secondo romanzo sui bambini di Miss Peregrine, è stato pubblicato il 14 gennaio 2014. Il terzo volume, “Library of Souls”, è stato pubblicato il 22 settembre 2015.

La trama 

Mi ero appena rassegnato a un’esistenza noiosa, quando iniziarono a succedere cose straordinarie. La prima fu davvero traumatica. E come tutto ciò che ti cambia per sempre, spaccò la mia vita in due metà: il Prima e il Dopo. Anche questo, al pari di molti altri eventi incredibili che sarebbero accaduti in seguito, aveva a che fare con mio nonno, Abraham Portman.

Fin da bambin, il nonno era per me la persona più affascinante al mondo. Era cresciuto in un orfanotrofio, aveva combattuto in guerra, aveva attraversato gli oceani in piroscafo e i deserti a cavallo, si era esibito in un circo, sapeva tutto sulle armi da fuoco, l’autodifesa e la sopravvivenza in condizioni estreme. Parlava almeno tre lingue oltre l’inglese.

La recensione 

Spesso accade che un bel libro diventi popolare solo dopo che ne è stato tratto un film e “La casa dei bambini speciali di Miss Peregrine” lo conferma. Pressoché sconosciuto prima che Tim Burton ne acquistasse i diritti, la trama ricorda un po’ “Peter Pan” e la saga di “Percy Jackson”: Jacob Portman è un quindicenne che non ha mai smesso di credere del tutto ai racconti del nonno, incentrati sulla sua giovinezza in una luminosa casa tra bambini dai poteri speciali. Ma saranno davvero favole o c’è un fondo di verità? 

Lo stile semplice, a tratti comico, e la presenza di numerose immagini, fanno intuire che il target di riferimento sia principalmente composto da adolescenti. Tuttavia ben presto la storia si tinge di una sfumatura dark, buia, che porta il lettore in uno stato di angoscia e tensione. 

Il ritmo inizialmente incalzante si è afflosciato dopo l’evento chiave, per poi rialzarsi in un secondo momento con un colpo di scena dopo l’altro. Sono quindi quelle poche pagine lente a non avermi fatto apprezzare completamente il romanzo, sebbene in seguito abbia trovato una giustificazione per il temporeggiamento improvviso. Nonostante ciò, ho adorato “La casa per bambini speciali di Miss Peregrine”, che mi ha lasciata con un sacco di domande in sospeso e che spero possano trovare risposta nel successivo “Hollow City”.

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...