Recensione – Il sentiero dei nidi di ragno

  • Autore: Italo Calvimo
  • Genere: neorealismo 
  • Prima pubblicazione: 1947
  • Prezzo di copertina: 10€
  • Numero di pagine :221
  • Casa editrice: Mondadori (Oscar Junior) 

L’autore 


    • Italo Calvino (Santiago de Las Vegas de La Habana, 15 ottobre 1923 – Siena, 19 settembre 1985) è stato uno scrittore e partigiano italiano.

      Intellettuale di grande impegno politico, civile e culturale, è stato uno dei narratori italiani più importanti del secondo Novecento. Ha seguito molte delle principali tendenze letterarie a lui coeve, dal Neorealismo al Postmoderno, ma tenendo sempre una certa distanza da esse e svolgendo un proprio personale e coerente percorso di ricerca. Di qui l’impressione contraddittoria che offrono la sua opera e la sua personalità: da un lato una grande varietà di atteggiamenti che riflette il vario succedersi delle poetiche e degli indirizzi culturali nel quarantennio fra il 1945 e il 1985; dall’altro, invece, una sostanziale unità determinata da un atteggiamento ispirato a un razionalismo più metodologico che ideologico, dal gusto dell’ironia, dall’interesse per le scienze e per i tentativi di spiegazione del mondo, nonché, sul piano stilistico, da una scrittura sempre cristallina e a volte, è stato sostenuto, classica.

      I numerosi campi d’interesse toccati dal suo percorso letterario sono meditati e raccontati attraverso capolavori quali la trilogia de “I nostri antenati”, “Marcovaldo”, “Le cosmicomiche”, “Se una notte d’inverno un viaggiatore”, uniti dal filo conduttore della riflessione sulla storia e la società contemporanea.

      La trama

      Italia, periodo della Resistenza, dopo l’8 settembre 1943. In un piccolo paese ligure della Riviera di Ponente, Sanremo, tra valli, boschi e luoghi impervi dove la lotta partigiana è più forte, Pin è un bambino ligure di circa dieci anni, orfano di madre e con il padre marinaio irreperibile, abbandonato a se stesso e in perenne ricerca di amicizie tra gli adulti del vicolo dove vive, e dell’osteria che frequenta dove viene preso in giro da tutti, finché non incontra un partigiano: Cugino.

      Un estratto  

      Forse non farò cose importanti, ma la storia è fatta di piccoli gesti anonimi, forse domani morirò, magari prima di quel tedesco, ma tutte le cose che farò prima di morire e la mia morte stessa saranno pezzetti di storia, e tutti i pensieri che sto facendo adesso influiscono sulla mia storia di domani, sulla storia di domani del genere umano. 

      La recensione

      “Il sentiero dei nidi di ragno” segna l’esordio di Calvino. Si tratta di un libro parzialmente autobiografico: nella figura dell’ufficiale Kim possiamo infatti riscontrare le idee politiche dell’autore, che per un breve periodo fu anch’egli partigiano. La storia è quella di Pin, un orfano di dieci anni desideroso di inserirsi nel mondo degli adulti: ci prova cantando canzoni di cui non conosce il significato, usando un linguaggio scurrile e parlando di armi e donne, tuttavia i suoi pensieri e le sue paure rimangono quelli di un bambino. Pin conosce un sentiero in cui i ragni vanno a fare il nido e ne custodisce gelosamente l’ubicazione. Per una serie di fatti, proprio lì Pin nasconderà una pistola sottratta a un tedesco. Apro una parentesi per dire che, nella mia mente, ho associato il sentiero dei nidi di ragno all’infanzia e la pistola alla lotta, quindi all’essere bambino di Pin che viene compromesso dalla guerra. Dietro una trama apparentemente semplice ci sono sicuramente altri significati nascosti, uno in particolare nel finale. Il libro si conclude inoltre in modo aperto, senza un epilogo, lasciando al lettore il compito di immaginare cosa sarà successo dopo. 

      Dal lato tecnico, lo stile è abbastanza semplice, poetico e ricco di metafore, mentre la mentalità dei personaggi viene passata in rassegna minuziosamente.

      Non ne sono rimasta particolarmente colpita, anche se nel complesso mi è piaciuto molto. È una storia toccante e interessante, ma mi è mancato un quid che rendesse il gradimento assoluto. 

      Annunci

      Rispondi

      Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

      Logo WordPress.com

      Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

      Foto Twitter

      Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

      Foto di Facebook

      Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

      Google+ photo

      Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

      Connessione a %s...